seguici
Informazioni Generali

Top 10


Trascorrere almeno una notte in un bungalow sull’acqua

L’idea di bungalow sull’acqua è partita dalle nostre isole. Questo tipo di soggiorno rappresenta il massimo livello di comfort, il lusso in paradiso. Lasciatevi cullare dal rumore dell’acqua che lambisce le palafitte, ammirate i pesci danzare attraverso i pannelli di vetro sul pavimento, trasformate la vostra terrazza in un acquario naturale e risvegliatevi al dolce profumo di una colazione consegnatavi a bordo di una canoa tradizionale: chi non vorrebbe che un simile sogno diventasse realtà?

Immergetevi in un acquario naturale

I subacquei di tutto il mondo sanno che Tahiti e le sue isole sono tra le mete migliori per gli appassionati di tale disciplina, e questo anche grazie all’incredibile varietà di pesci che vivono in queste acque. Rangiroa, il maggiore atollo delle Isole Tuamotu, Fakarava, definita la Mecca dei subacquei, e Tikehau sono le destinazioni più ambite. Anche le Isole della Società, le Isole Marchesi e le Isole Australi sono cornici perfette per chi desidera vivere l’esperienza di osservare dal vivo grandi animali acquatici (squali, razze, delfini, balene ecc.) e migliaia di pesci colorati.

Assaporare pesce marinato con latte di cocco

Nessuna visita a Tahiti può dirsi completa senza un assaggio delle specialità locali: tonno crudo marinato con lime e verdure a cubetti, irrorato di latte di cocco appena raccolto. Venditori ambulanti, tavole calde e ristoranti offrono tutti questa specialità nel loro menù. Vi sono poi altre prelibatezze locali da non lasciarsi sfuggire: pesce crudo alla cinese, chow mein, ma’a tinito e, ovviamente, i piatti cucinati nel tipico forno tahitiano (ma’a tahiti) che possono essere gustati la domenica in alcuni ristoranti della zona.

Visitare il mercato di Pape'ete

Il mercato municipale al centro di Pape'ete è il cuore pulsante della città. Le attività iniziano alle prime luci dell’alba con frutta, verdura, pesce e fiori. Le bancarelle d’artigianato vendono prodotti provenienti dai quattro arcipelaghi (incisioni, tifaifai, trapunte di patchwork, gioielli, sarong, ceste e così via). Se si visita il mercato prima della partenza, è possibile acquistare molti souvenir locali (vaniglia, pezzi d’artigianato, monoi, strumenti musicali e via dicendo). Assolutamente da non perdere è la visita al mercato alle 4:00 di domenica mattina, per respirarne l’atmosfera magica prima che si riempia di gente.

Fare una breve escursione a Moorea, l’isola gemella di Tahiti

Moorea, situata a 17 km da Pape'ete, è raggiungibile in traghetto in appena 40 minuti. È l’isola con minore densità abitativa (appena18.000 persone) e offre un panorama incontaminato. È possibile limitarsi a una visita in giornata, tuttavia se si desidera esplorare meglio l’isola è necessario trattenersi un po’ di più.

Visitare un atollo nelle Isole Tuamotu

Mettere piede su “un’isola basa”, o atollo, è un’esperienza indimenticabile. Ammirare una catena di isole coralline, ognuna delle quali abbraccia una laguna turchese che si estende per dozzine di chilometri, è una vista mozzafiato anche solo da un aeroplano. Immaginare che vi siano persone che vivono in questo ambiente, perso nell’immensità dell’oceano, è quasi surreale. Condividere alcuni momenti con gli abitanti del luogo, seguendo i ritmi delle onde, anche se solo per pochi giorni, è una sensazione indescrivibile. È su questi isolotti che ha avuto inizio l’Industria delle perle coltivate di Tahiti. Gli atolli più frequentati dai turisti sono Rangiroa, Fakarava e Tikehau, ognuno dei quali mette a disposizione hotel di fama internazionale. Altri atolli meno conosciuti, invece, sono dotati di pensioni a conduzione familiare, che offrono ai visitatori un caldo benvenuto.

Vedere Bora Bora... e molto altro

Per la maggior parte dei turisti, visitare Bora Bora è un must. La “Perla del Pacifico”, nonostante lo sviluppo del turismo, è ancora all’altezza della sua reputazione. Cionondimeno, quest’isola nasconde molto più di quanto mostrano le cartoline: non solo il suo entroterra, la sua storia, le mante e la laguna, ma anche i lussuosi hotel e spa situati sulle motu (isolette) e accessibili esclusivamente via mare. Se si dispone di molto tempo, non bisogna perdersi l’incontaminata gemella di quest’isola, Maupiti, accessibile solamente via nave o aereo da Bora Bora. Uno scenario inimitabile e un salto nel passato sono garantiti.

Visitare un marae

Reperibili sulla maggior parte delle isole, questi reperti archeologici sono la testimonianza dell’organizzazione della società polinesiana prima dell’arrivo dei missionari nel XVIII secolo. I complessi archeologici più importanti si trovano a Raiatea (dove si può ammirare un marae famoso in tutto il mondo), Huahine e nelle Isole Marchesi.

Assistere a una danza polinesiana

Proibita dai missionari, oggi la danza è profondamente radicata nella cultura polinesiana. Le ragazze e i ragazzi iniziano a ballare non appena imparano a camminare. La festa annuale del Heiva i Tahiti, che si tiene nel mese di luglio a Tahiti e nella maggior parte delle isole, è un’occasione perfetta per ammirare l’esibizione di alcuni dei professionisti più rinomati e delle scuole di danza più prestigiose. Inoltre, i principali hotel organizzano regolarmente serate polinesiane con canzoni e danze durante happy hour o buffet a tema.

Esplorare l’entroterra delle isole

L’entroterra delle isole con catene montuose (le Isole della Società, le Isole Marchesi e le Isole Australi) è ricolmo di tesori da scoprire. Che sia attraverso una visita guidata (con un fuoristrada, un quad o a piedi) o una macchina a noleggio, le valli e i picchi montuosi svelano generosamente le proprie meraviglie ai visitatori. Siti archeologici, una vegetazione lussureggiante, ruscelli e cascate sono la ricompensa per tutti i turisti che si avventurano nella zona.

Seguire le orme dei missionari alle Isole Gambier

Mangareva, l’isola principale, è la sede della prima missione cattolica, fondata nel 1834, e trabocca di tracce della storia dei primi missionari. Sin dagli anni ’90, lo splendore delle Isole Gambier e delle perle coltivate in questi luoghi rappresenta un’importante fonte di reddito per la popolazione.

Osservare le balene nelle Isole Australi, lontano dalle rotte più battute

Ogni anno, da luglio a novembre, Rurutu, nelle Isole Australi, diviene il luogo ideale per osservare le balene che si recano in queste acque, a pochissima distanza dalla costa, per dare alla luce i loro piccoli. Si tratta di uno spettacolo unico, riservato a pochi. Le Isole Australi vi daranno l’irripetibile sensazione di essere all’altro capo del mondo.

Esplorare le Isole Marchesi: la “Terra degli uomini”

È possibile recarsi alle Isole Marchesi via mare, a bordo della nave cargo e passeggeri Aranui, o in aereo, il mezzo di trasporto più diffuso. Sbarcare nelle Isole Marchesi è sempre un doppio shock: primo, a causa del revival culturale che ha preso piede negli ultimi 20 anni, e secondo, per la scoperta della loro bellezza selvaggia e incontaminata.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Info

close