seguici
Altre attività

Tahiti

Giardino botanico Harrison W. Smith: la passione di un uomo

Papeari deve la fama dei propri fiori e giardini soprattutto a un americano, Harrison Smith (1872-1947), un appassionato botanico. Originariamente, Smith era professore di fisica presso il Massachusetts Institute of Technology ma dopo aver ereditato una piccola fortuna all’età di 37 anni lasciò il proprio lavoro e salpò per Tahiti dove comprò 137 ettari di terreno. A quel punto, iniziò a piantare centinaia di varietà di fiori e alberi esotici che importò a proprie spese e con enormi difficoltà dall’America tropicale, dall’Asia e dall’Africa. Prima di morire, nel 1947, Smith lasciò in eredità il proprio giardino a un amico, giardino che, in seguito, divenne pubblico. Il sito si trova in un parco di 14 ettari adiacente al Paul Gauguin Museum, a un ristorante/snack bar e al “Motu Ovini”. Aperto tutti i giorni dalle 9:00 alle 17:00. Entrata a pagamento.

Parco Bougainville: un’oasi nel mezzo del deserto urbano

Costruito vicino all’ufficio postale attorno alla statua di un ammiraglio ed esploratore francese, Louis Antoine de Bougainville, il parco è una vera oasi verde nel cuore della città. I 5.600 m2 di quest’area verde, dove vi consigliamo di trattenervi per godere della brezza fresca che la caratterizza, offrono un piacevole scorcio sulla natura e sulla cultura polinesiana. Con i suoi gigli acquatici, le sue fontane, il bambù, i fiori di opuhi e gli alberi di mango, il parco è un luogo di calma e tranquillità nel bel mezzo del caos urbano. Per tutto anno, mostre di fiori, eventi culturali ed esibizioni artistiche animano il giardino.

Giardini dell’Assemblea della Polinesia francese: seguire le orme della regina Pōmare V

Torreggianti castagni, fiori di opuhi e bambù offrono ombra e ristoro dal calore ai membri dell’Assemblea che fanno una pausa quando questa è in sessione. La famosa piscina della regina ha una cascata che si riversa in una pozza piena di gigli acquatici ed enormi carpe rosse, nere e bianche. Inaugurato nel 2009, il “sentiero della Regina” è delimitato da più di 57 alberi tra i quali coesistono alcune rare specie, talvolta endemiche (catalogate dal Dipartimento per lo sviluppo rurale). L’entrata al giardino è adornata da un’altra specie rara, il sandalo polinesiano (Santalum Insulare). È possibile partecipare a due tour, entrambi gratuiti, tra le 7:30 e le 17:00, dal lunedì al venerdì: un tour individuale e, qualora si faccia richiesta al Dipartimento relazioni con il pubblico dell’Assemblea, un tour guidato di gruppo.

I giardini Paofai: piante da tutti e 5 gli arcipelaghi

Sviluppata su 4,6 ettari, quest’area pubblica e ricreativa è dotata di impianti sportivi, aree giochi per bambini, pergola, sentieri, aree verdi, fontane, bagni, armadietti e due faré pote'e (padiglioni). Protetto dal sole da quasi 400 alberi, questo “polmone verde” è sicuramente il parco più affascinante dell’isola.

Con 324 alberi di cocco, 40 palme reali, 30 grandi alberi da fiori e 2,5 ettari di prati, i giardini Paofai sono un luogo unico dove ammirare specie endemiche e medicinali di piante. Ogni arcipelago è rappresentato dalla propria pianta iconica: la mahae fern per Huahine, la auti (palma) per Raiatea, la vaniglia per le Isole Sopravento meridionali, la kahaia (guettarda speciosa) per le Isole Tuamotu, la tianina (albero delle lanterne) per le Isole Marchesi e il limone di mare per le Isole Gambier. Il parco trabocca anche di alberi da frutta, di molte varietà di banana e di 'uru (albero della frutta).

I giardini acquatici di Vaipahi: un’avventura da vivere in famiglia

Una sosta a Mataeia per visitare questo paradiso è irrinunciabile. Qui troverete piante tropicali (native, importate ed endemiche), splendide cascate e un’area da picnic in riva al mare. Bagni pubblici, uno spazio dedicato alla cultura e una boutique “faré” sono situati nei pressi dell’entrata. 6 km di sentieri si snodano in tre percorsi con diversi livelli di difficoltà, from the dalla palude alla foresta di pini caraibici e attraverso la valle del fiume Vaipahi, con le sue cascate e i mape (castagni tahitiani) centenari. Inaugurati nel 2006 dal Dipartimento del turismo e situati sulla costa ovest di Tahiti, i giardini della valle del Vaipahi sono un luogo unico in Polinesia. Corsi d’acqua e polle con fiori di loto e gigli sono circondati da sentieri di ghiaia delimitati da alberi, piante, cespugli e fiori tropicali. Tra questi, è possibile trovare il lori: questo cespuglio, originario del Myanmar, ha frutti rossi che, una volta cotti, sono deliziosi in torte, marmellate e conserve. 
Aperto tutti i giorni dalle 7:30 alle 17:00.

Il parco del Muso di Tahiti e delle sue isole: Giardino conservatorio delle piante endemiche

Il parco del museo si estende su 4,5 ettari ed è stato creato per fornire un palcoscenico per le esibizioni della Natural Environment Hall. Completato sotto la direzione dell’ex curatore del giardino botanico del Museo Gauguin di Papeari, il parco contiene molte piante endemiche, la maggior parte delle quali ebbero grande importanza nell’antica Polinesia e tra le quali ve ne sono alcune che oggi sono a rischio. I giardini ospitano aute (gelso da carta o Broussonetia Papyrifera), ’aua (kava o Piper methysticum), pelagodoxa (un tipo di palma che esiste solo nelle Isole Marchesi e che è a rischio di estinzione), autī (palma dracena o Cordyline altilis) e molte altre. Sull’altro lato della struttura, il parcheggio è delimitato da giovani miro (palissandro pacifico o Thespesia populnea), ti’a’iri (alberi candleberry o Aleurites triloba), mati (Ficus tinctoria) e due alberi di ’ora (Ficus prolixa). I visitatori possono muoversi lungo un sentiero. L’ingresso al parco, aperto durante gli orari di apertura del museo, è gratuito.

Il giardino Méridien Tahiti: il laboratorio botanico

Nel Laboratorio botanico Méridien Tahiti, i visitatori sono invitati a scoprire un giardino contenente più di 30 piante endemiche (alberi da frutto, specie rare, felci etc.) mentre passeggiano lungo un sentiero. Ingresso gratuito.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Info

close